Nebbioli Alto Piemonte

 

LE PIANE

Vino Rosso Maggiorina 2014           93/100

Apertura fresca, speziata, che rimanda ai tipici sentori dell’uva nebbiolo. I frutti rossi, con un finale lievemente minerale, caratterizzano il palato. L’acidità è contenuta, con un tannino ponderato. Piacevole la struttura. Complessivamente risulta ottimamente equilibrato, con un distinto allungo nel finale.

Vino Rosso Mimmo 2013           94/100

Al naso si percepisce particolarmente speziato e pulito. In bocca presenta, dapprima, un gradevole frutto rosso che sfuma in suggestivi richiami, speziati, saccentemente dosati. È un vino dotato di una certa sapidità. Si denota l’omogeneità esistente tra l’acidità ed il tannino. Struttura di rilievo che supporta, con piglio deciso, queste caratteristiche. Molto bello l’allungo nel finale.

Boca 2011            95/100

Amabili sentori di frutti rossi si elevano dal calice per lasciare spazio, nell’evoluzione finale, a richiami aromatici. Al palato è stupendo: frutti di bosco, principalmente more, entusiasmano le papille gustative. L’acidità ed il tannino sono, magistralmente, rotondi. È un vino calibrato, avvolgente e sorprendentemente persistente. Incantevole la struttura, di grande impatto. Delizioso l’allungo nel finale.

Boca 2009           94/100

Il bouquet si compone di stuzzicanti aromi, con un finale di spezie. Al gusto, i frutti rossi maturi si sposano con sentori speziati. Un vino capace di esprimere la sua eleganza. È armonico, sinuoso, pieno. L’acidità ed il tannino sono sempre ben dosati. Corpo e struttura ricercati. Appagante l’allungo nel finale.

Boca 2007           96/100

Note balsamico-aromatiche vengono esaltate da una soave freschezza che fa da sfondo a questo “panorama olfattivo”. In bocca si dimostra indiscutibilmente interessante merito di un invitante frutto rosso che si mescola, nel finale, con retrogusto ferroso infondendo una struttura unica. Possente, di carattere, si presenta come un vino vigoroso che esibisce, indomito, tutto il suo potenziale dopo nove anni. Conserva una freschezza ragguardevole. Raffinatezza e classe impareggiabili. Veramente interessante.

Vino Rosso Le Piane 2012           93/100

Naso fresco con un adorabile profumo di frutti di bosco. Al palato irrompe la mineralità del prodotto che vira in un sapore di frutti rossi, maturi, con un finale sensibilmente aromatico. L’acidità ed il tannino sono potenti, ma non irruenti. Un vino che sfoggia la sua indole sbarazzina supportata da una struttura risoluta. Conserva, ciò nonostante, un aspetto contenuto.

 

ANTONIOLO

Gattinara 2011           88/100

Il bouquet si compone di note balsamiche, speziate, con un finale legnoso. Al palato ritroviamo sentori, vagamente, speziati che tramutano in un gusto di cuoio e di caffè lasciando trapelare un retrogusto legnoso. L’acidità vivace riesce a mantenere una certa morbidezza. Discreta la struttura che tende a prolungare, con fare sufficientemente apprezzabile, la persistenza finale.

Gattinara Osso San Grato 2011           91/100

Speziato ed aromatico: questi i richiami principali che catturano il naso. In bocca si denota una complessità di sapori: frutta secca, cuoio, caffè e, per finire, legni tostati. È un vino marcatamente tradizionale che ricalca la filosofia aziendale. Acidità decisa, ma non aggressiva. Tannino morbido e bilanciato. Abbastanza gradevole la struttura.

Gattinara San Francesco 2011           90/100

Sentori balsamici con un finale di sottobosco, leggermente erbaceo, questa è l’impronta olfattiva che si percepisce. In bocca emergono il cuoio, il caffè ed un finale vagamente selvaggio. Acidità briosa supportata da un tannino morbido. Si delinea un vino dalla struttura energica capace di esprimere la sua impronta.

 

TENUTE SELLA

Clementina           92/100

Perlage raffinato e persistente. Suadenti frutti di bosco si fondono con un’incredibile freschezza pervadendo l’olfatto. Stuzzicante il sapore di lamponi, che avvolge il palato, supportato da un’amabile acidità. Appagante la struttura che conferisce un’impronta gioiosa e spumeggiante. Assai duratura la persistenza.

Piemonte Bianco Piandoro 2015           90/100

Fresco e pulito al naso lascia trapelare il caratteristico odore d’idrocarburi, tipico dei Riesling da cui deriva. Un’impalpabile mineralità, iniziale, conferisce un gusto sapido circondato da un vago sentore fruttato. L’acidità è vivace, ma non infastidisce. Gradevole la struttura che lo fa risultare un vino brioso, facilmente bevibile.

Piemonte Bianco Doranda 2015            94/100

L’olfatto viene investito da richiami freschi, fruttati per terminare con un impercettibile profumo esotico. In bocca irrompe, dapprima, un netto richiamo alla pesca bianca che tramuta in un gradevole sapore di pera, conferendo nerbo. Acidità tenue, molto contenuta. Il prodotto è sapientemente equilibrato , ricercato e sofisticato. Meritevole la struttura capace d’imprimere, nel finale, un allegro sentore fruttato.

Coste della Sesia Rosato 2015 Maioli           92/100

Soavi note di frutti rossi maturi si sprigionano dal calice. In bocca si sviluppano degli accattivanti aromi di frutti di bosco. L’acidità vibrante conferisce pienezza alla struttura. Apprezzabile il corpo e piacevole la persistenza nel finale. Un vino esaltato dalla propria freschezza e pulizia.

Coste della Sesia Rosso2014 Orbello           89/100

Le narici sono pervase dall’aromaticità e dalla freschezza intrinseca del prodotto. Un flebile sapore di frutti di bosco si mescola con un’acidità ed un tannino sensibilmente esuberanti disorientando le papille gustative. Una modica struttura dovuta, principalmente, all’annata (2014) considerevolmente piovosa.

Coste della Sesia Rosso Casteltorto 2013           93/100

Note speziate ed aromatiche catturano l’olfatto. Al palato si delinea come spiccatamente rotondo, con evocativi profumi di spezie, suggellati da un retrogusto di cuoio, atti ad imprimere complessità al corpo aromatico. Tannino equilibrato, con un’acidità “sbarazzina”. La struttura denota un certo spessore. Piacevole l’allungo nel finale.

Lessona 2010            93/100

Il naso è inebriato da aromi speziati. Le papille gustative sono stimolate da una complessità di sapori: caffè, cuoio, tostatura si distinguono palesemente. L’acidità è incisiva, ma fortunatamente non aggressiva.Il tannino incide sul giusto. Corpo e struttura sono imponenti, attribuendo al vino nerbo e spessore pur essendo fresco e gioioso nel finale.

Bramaterra 2011            94/100

Le narici vengono guidate attraverso un sentiero aromatico-balsamico. I frutti di bosco maturi si sposano con una soave mineralità appagando il gusto. Acidità e tannino sono morbidi, ottimamente equilibrati. Struttura e corpo avvincenti. Un vino dall’indole prominente, vigorosa. Considerevole l’allungo.

Lessona 2009 San Sebastiano allo Zoppo           95/100

Ammiccanti sentori di frutti rossi, maturi, esprimono tutta la loro potenza olfattiva. Un’esplosione sensoriale che si propaga, con altrettanta vivacità, in bocca rivelandosi ottimamente equilibrato con un sapore volitivo, pieno, corposo, capace di esibire tutto il suo potenziale, senza inficiare minimamente il suo charme. Struttura rilevante. L’acidità ed i tannini risultano morbidi ed eleganti. Un vino dotato di personalità che, tuttavia, è in grado di conservare la dovuta classe.

Bramaterra 2009 I Porfidi            93/100

Il bouquet olfattivo si compone di frutti rossi che digradano in sentieri aromatici. Il frutto rosso si distingue, altresì, in bocca sostenuto da un retrogusto lievemente legnoso. L’acidità è protagonista, senza compromettere le pareti della bocca. Il tannino sinuoso origina un vino gradevole, con una struttura ed una persistenza apprezzabili. Nerboruto sì, ma con meno spinta rispetto al “fratello” San Sebastiano.

Lessona 2007 Omaggio a Quinto Sella            95/100

I sensi sono sedotti dall’ammaliante profumo speziato con un suggestivo finale di frutti rossi. In bocca si evince come un prodotto ricercato, di grande sofisticatezza. L’apprezzato frutto rosso vira verso un, flebile, richiamo legnoso che non compromette il gusto e le caratteriste del prodotto. Encomiabili la struttura ed il corpo.Acidità e tannino risultano sorprendentemente docili, di una certa levatura. Un vino che lascia il segno merito della sua classe innata e del suo alto lignaggio. Un prodotto indiscutibilmente interessante.

 

NERVI

Colli Novaresi 2015 Spanna           92/100

Freschezza, pulizia, vivacità ed un suggestivo sentore di frutti rossi emergono dal calice. Apprezzabile la sensazione di frutti rossi maturi che cattura il palato. Acidità briosa e piacevole. Tannino elegante e bilanciato. Un vino che sfoggia la sua vivacità. Gradevole il corpo che lascia presagire un aspetto allegro.

Gattinara 2012           94/100

Al naso, i frutti rossi sono accentuati e si fondono con un lieve finale aromatico. In bocca risulta molto soddisfacente sprigionando i suoi aromi di frutti rossi per concludersi con un, impercettibile, gusto speziato conferitogli dal legno. Molto fresco, dotato di un’acidità ed tannino sinuosi, equilibrati, fini. Appagante la struttura che lascia presagire un vino elegante.

Gattinara 2011 Vigna Valferana           94/100

In apertura si denota un fondo fresco, pulito, con sentori minimamente vegetali assai delicati. In bocca esibisce un significativo sapore di frutti rossi con un retrogusto ferroso conferitogli dal terreno in cui si origina. Un vino nerboruto,con un corpo ed una struttura prominenti, robusti, pieni. Acidità e tannino sono maggiormente marcati, mai invasivi, mantengono sempre classe e ricercatezza, in linea con le attitudini del marchio.

Gattinara 2009 Molsino            96/100

Sorprendente al naso: complesse note aromatiche digradano in profumi di frutti di bosco. Al palato è accattivante; un suggestivo richiamo di frutti di maturi, soprattutto la pesca, contornato da una tenue speziatura finale, costituisce, con sofisticatezza, l’esperienza sensoriale di questo vino. Ponderato, con un tannino ed un’acidità soavi. Corpo e struttura manifestano la loro influenza. Assai intensi l’allungo e l’aroma di fondo. Questo vino esplica, sapientemente, i valori fondanti propri dell’azienda sebbene sia indispensabile ulteriore tempo per potersi esprimere al meglio delle proprie potenzialità.

 

PROPRIETA’ SPERINO

Vino Rosato 2015 Rosa del Rosa             93/100

Sotto il profilo olfattivo si denota fresco, pulito con degli allettanti profumi di frutti di bosco. In bocca diviene molto morbido, minerale, con una sapidità finale ed un retrogusto di frutti di bosco in sottofondo. L’acidità è spumeggiante, mai prevaricante. Soddisfacente la struttura. Un vino vigoroso, vivace, che rilascia, nel finale, un’impercettibile dolcezza. Estremamente interessante nella sua linearità.

Coste della Sesia 2013 Uvaggio             95/100

Al naso si dimostra dinamico, sprigiona pienamente i suoi aromi di frutti di bosco. Al palato risulta estremamente appagante; il frutto di bosco evolve verso un finale che rimanda al the verde. É un vino imponente, con un acidità ottimamente calibrata ed un tannino capace di avvolgere il palato senza aggredirlo. Degna di nota la struttura. Deliziosa l’aromaticità che emerge nel finale.

Lessona 2011            96/100

L’apertura esprime a pieno la sua regalità. Un sentore leggermente balsamico lascia trapelare a pieno l’aroma di frutti rossi. Le papille gustative sono stimolate da un’amabile sensazione che rilascia, nel finale, un caratteristico sapore di frutta matura unito a sfumature legnose-ferrose. Corpo e strutta sono signorili, raffinati e molto armonici. Un vino che non teme il trascorrere del tempo poiché è capace di preservare la sua grazia negli anni.

 

LA PREVOSTURA

Coste della Sesia 2014 Garsun           93+/100

Lindo, fresco, con note armoniche di frutti rossi che pervadono le narici. Apprezzabile la sensazione di frutta, a bacca rossa, che si percepisce in bocca. Tannino ed acidità appaiono equilibrati e morbidi. Vino molto fine, con uno stile ragguardevole. Struttura consona, con piacevole allungo nel finale. Molto gradevole nonostante l’annata avversa.

Coste della Sesia 2012 Muntacc           92/100

Sensazioni molto vivaci, con interessanti note aromatico-speziate ed un finale vagamente balsamico. In bocca si distingue una speziatura, nella fase iniziale, che digrada in un finale quasi dolce conferito dai tannini che concorrono a creare un’acidità molto contenuta. Raffinata, elegante ed appagante la struttura.

Bramaterra 2012           93/100

Un naso prominente conferisce, repentino, la sua impronta: i frutti rossi maturi. In bocca si evince, ampiamente, la sua personalità volitiva composta da note di cuoio, spezie ed una vena erbacea nel finale. Intrigante il tannino rotondo che origina, assieme ad un acidità equilibrata, una piacevole struttura. Assai duratura la persistenza finale. Un vino con delle potenzialità intrinseche (se conservato per qualche anno in cantina) finalizzate a manifestarsi nel lungo periodo.

Lessona 2012           94/100

Completo, nitido, con una freschezza che trabocca dal calice ed un finale di frutti di bosco che migra verso profumi legnosi. Al palato si percepisce il sapore di more unitamente ad una finezza ed una dolcezza propria del tannino a completamento di questo prodotto. L’acidità è saccentemente calibrata ed omogenea. Il corpo e la struttura attribuiscono un’eleganza ed una sofisticatezza tipica del Lessona. Un prodotto con una propria attrattiva.

 

VALLANA

Colline Novaresi 2013 Spanna            90/100

Al naso si scoprono sentori freschi che sconfinano nel cuoio e nel sottobosco. In bocca è equilibrato; un gusto di frutta secca accompagna un sentore di cuoio, già percepito al naso. Il vino appare delicato. L’acidità ed un tannino rotondo ne fanno un prodotto ben bilanciato.

Boca 2011             92/100

Un’apprezzabile freschezza iniziale, unita ad aromi di liquirizia ed di sottobosco, si percepisce all’olfatto. Al palato si ripresenta, stuzzicante, la liquirizia abbinata ad un retrogusto di caffè. Acidità e tannino sono omogenei e morbidi. Un vino con un corpo marcatamente pronunciato, pieno e robusto. Testimonia un carattere forte, ma non aggressivo.

 

BARBAGLIA

Colline Novaresi 2013 Vespolina Ledi           88/100

Estremamente aromatico con un intenso profumo di spezie che catturano il naso. Le papille gustative percepiscono, nuovamente, la speziatura iniziale contornata da un gusto sensibilmente legnoso. Presenta un’acidità tenue ed un tannino che asciuga senza veemenza. Il vino si dimostra, nel suo complesso, delicato. Sufficientemente gradevole.

Colline Novaresi 2013 Nebbiolo Il Silente           89/100

Al naso propone sentori freschi, vagamente speziati. Un gusto di caffè, unito a quello del cuoio e del cacao grezzo, segna il palato. Si percepisce, nel finale, un lieve tannino, del legno, mitigato dall’acidità docile. Gradevole la struttura che trasmette la sensazione di un vino abbastanza robusto.

Boca 2010             91/100

In apertura si presenta con un pungente sentore di selvaggina e di sottobosco. Le papille gustative, come nel vino precedente, individuano note di caffè, di cuoio e ,nel finale, di cacao appena tostato. Presenta, rispetto ai fratelli minori, un’acidità ed un tannino più prominenti. E’ un vino con una struttura forte che va ad imprimere tutto il suo nerbo in maniera significativa.

 

LE PIANELLE

Bramaterra 2011            91/100

Un sentore di pesca sciroppata, spiccatamente zuccherina, lo delinea la naso. In bocca il gusto di cacao amaro si alterna a quello del caffè. In chiusura presenta un tannino vagamente amarognolo che si contrappone ad un’acidità contenuta. Il corpo e la struttura divengono delicati. È un vino particolare, con una personalità innovativa. Di piacevole bevuta, con un naso che si presenta in netto contrasto con la percezione gustativa.

 

COLOMBERA & GARELLA

Bramaterra 2013            92/100

Al naso si schiude con un aroma di frutto di bosco suggellato da un sottobosco ed una leggera nota selvatica. Al palato è appetibile: un gusto di cuoio e di caffè si sussegue con fare persistente. L’acidità ed il tannino sono estremamente tenui, appena percettibili. La struttura è quella di un vino raffinato,delicato, con un aroma piuttosto marcato ed una piacevole persistenza finale.

 

TIZIANO MAZZONI

Ghemme 2012 dei Mazzoni           89/100

L’apertura iniziale si distingue prettamente balsamica, con richiami di idrocarburi nel finale. Diviene, successivamente, potente, deciso, un intenso gusto di cuoio che personalizza questo vino in bocca dove traspare una flebile venatura di caffè. L’acidità ed il tannino divengono consistenti e quest’ultimo, in particolar modo, asciuga eccessivamente la mucosa orale. E’ un vino irruente; si dovrebbe mitigare il tannino.

Ghemme 2011 ai Livelli             91/100

Al naso si presenta balsamico, con accenni di spezie. In bocca, anche in questo caso, si presenta un vino massiccio: note di cuoio e di cacao amaro contornate da un fondo di legno. L’acidità ed il tannino sono imponenti, ma meno invasive rispetto al precedente. Proclama con disinvoltura la sua struttura, il suo temperamento ed i suoi sentori marcati.

 

ANTICHI VIGNETI DI CANTALUPO

Ghemme 2007 Collis Breclema            93/100

Selvatico, con note di sottobosco, di felci: questi i suo tratti distintivi che lo caratterizzano all’odore. La selvaggina, con un retrogusto di cuoio ed una sensibile venatura di caffè, attraversa la bocca. Acidità e tannino sono cautamente distribuiti e conferiscono una gradevole sensazione. È un vino con un corpo soddisfacente, pieno ed intenso. Mantiene, nonostante la potenza, sentori bilanciati che garantiscono un’impronta soave e rotonda.

 

CA’ NOVA

Ghemme 2008           94/100

Note aromatiche armoniose, con un finale lievemente zuccherino. Al palato cacao e caffè sono i sapori di maggior rilievo che si manifestano con fare equilibrato. L’acidità ed il tannino sono piacevolmente vellutati. E’ un vino corredato da una degna struttura, pieno, corposo. Traspare un’incantevole freschezza e rotondità.

Ghemme 2007           94+/100

Le narici vengono sedotte da una scia aromatica circondata da un finale di caffè tostato. Si distingue la liquirizia che, al palato, si sostituisce al caffè . Acidità e tannino si denotano con garbo, senza spavalderia. La struttura è considerevole. Un vino con un carattere accentuato, sicuro, corposo, ma con un’impronta sempre soave. Notevole la freschezza del prodotto, nonostante l’età.Piacevole l’allungo nel finale.

 

TRAVAGLINI

Gattinara 2011            92/100

Balsamico con un, tenue, finale di liquirizia : questi i profumi che salgono, prontamente, al naso. In bocca è sinuoso, denso ed armonico, la liquirizia si ripresenta per poi digradare in sfumatura di caffè e di legno. L’acidità ed il tannino sono contenuti ed evanescenti. La struttura è completa, gradevole ed elegante. Apprezzabile la persistenza nel finale.

Gattinara 2010 Trevigne             93/100

Naso balsamico con sentori di sottobosco. Al palato è brioso e vigoroso. Ritroviamo il sapore di liquirizia e di caffè, con un delicato gusto di tannini legnosi a fare da sfondo. L’acidità è costante, sempre discretamente morbida. Un vino che enuncia la sua personalità erculea, sempre mitigato da una considerevole raffinatezza.

Gattinara 2010 Riserva             94/100

Notamente fresco e pulito, con una lieve fragranza d’uva matura. In bocca si riscontra un gradevole richiamo di cacao che cede il passo, nel finale, ad una sottile venatura di legno tostato. Acidità e tannino sono, sapientemente, calibrati; quest’ultimo è davvero amabile poiché asciuga con la dovuta accortezza. Il corpo incarna, nuovamente, quello di un vino strutturato, risoluto e godibile. Appagante l’allungo nel finale e la sua persistenza.

Il Sogno 2011             95/100

Sentori di frutti di bosco, con un soave finale balsamico, adornano questo prodotto. Il gusto è deliziato, ed al contempo stuzzicato, dal sapore di more , di caffè di liquirizia e di delicate spezie. È un vino esauriente, con sentori articolati,nettamente distinguibili, che si susseguono con compostezza, armonia e metodo. L’acidità ed il tannino sono, indiscutibilmente, morbidi e ricercati. Un vino con una struttura prominente, di ineguagliabile raffinatezza, che imprime il suo indelebile allungo finale. È, propriamente, un sogno.